Home Benvenuti

News Ultime notizie

Europei: bronzo nella crono

Championnats d'Europe de Cyclisme 2016Moreno Moser si dimostra sempre più uno specialista delle crono. Contro il tempo per il trentino arriva un’altra medaglia, di nuovo bronzo, ma questa volta il livello sale e ha il profumo d’Europa. Con la maglia della Nazionale Italiana Moreno conquista infatti il terzo posto ai Campionati Europei in corso di svolgimento in Bretagna (Francia). Dopo aver accarezzato persino il sogno dell’oro, Moser può dirsi comunque più che soddisfatto della propria prestazione e festeggiare questo bel risultato, ottenuto alle spalle dello spagnolo Castroviejo e del belga Campenaerts.

Bronzo tricolore

Campionato Italiano cronometro 2016Ancora un podio ai Campionati Italiani a Cronometro per Moreno Moser. A Romanengo (Cr) il trentino della Cannondale ha dato di nuovo prova di essere tra i migliori di questa specialità a livello nazionale.

Dopo il secondo posto e l’argento del 2015, Moser coglie un’altra medaglia, questa volta di bronzo. Sul percorso di 41,3 km totalmente pianeggiante, Moreno ha fatto registrare il terzo tempo con un minuto di ritardo dal nuovo Campione Italiano Manuel Quinziato. Secondo posto per Manuel Boaro (+38”).

Secondo a Pinerolo

Giro d'Italia 2016 - 99a EdizioneGrande giornata al Giro d’Italia per Moreno Moser, che nella 18esima tappa (Muggiò-Pinerolo 237 km, la più lunga di questa edizione) sfiora il successo. Un secondo posto che sa di beffa, perché nel finale la vittoria pareva affare del trentino della Cannondale e Gianluca Brambilla della Etixx. Alle loro spalle, in grande rimonta, è invece sbucato Matteo Trentin, che sfila davanti a un incredulo Moser, ignaro del suo arrivo, andando a prendersi il primo successo nella Corsa Rosa.

Non me lo aspettavo proprio che fosse così vicino. Me lo sono visto sfrecciare agli ultimi 100 mt e a quel punto non c’era più nulla da fare” racconta Moreno all’arrivo “La vittoria oggi era davvero vicina. Che beffa”.

Una tappa tra l’altro tutta all’attacco per Moser, che era tra i protagonisti della lunga fuga di 200 km, che ha animato la tappa.

Il Giro si apre con un’ottima crono

Giro d'Italia 2016Moreno Moser è il miglior italiano nella cronometro di apertura della 99esima edizione del Giro d’Italia. Ad Apeldoorn in Olanda, dove si svolgeranno le prime tre tappe della Corsa Rosa, il trentino della Cannondale ha completato il percorso di 9,8 km – con spettacolare partenza dalla pista di Omnisport – in 11’15’’ a soli dodici secondi dal vincitore Dumoulin, prima Maglia Rosa.

Ancora una volta, Moser dimostra così il proprio talento contro il tempo, ottenendo un altro risultato di prestigio in uno degli appuntamenti più importanti della stagione.

 

Terzo al GP Indurain

GP Indurain 2016Primo podio della stagione per Moreno Moser, che in Spagna conquista il terzo posto nel GP Miguel Indurain.

Nella corsa dedicata al grande campione spagnolo, si conferma così il buon momento di forma attraversato dal trentino della Cannondale Pro Cycling, dopo la fuga in cui è stato protagonista nell’ultima tappa del Criterium International.

Moser ha tagliato il traguardo a 14” dal vincitore Izagirre, che si è imposto su Henao.

credits Bettiniphoto 

 

In evidenza al Criterium International

Volta Algarve 2016Moreno Moser ha saputo mettersi in evidenza al Criterium International, breve corsa a tappe, che si svolge su due giorni lungo le strade della Corsica e a cui partecipano big internazionali.

Dopo aver conquistato il quarto posto a 4 secondi nella cronometro individuale vinta da Pinot, che conquisterà poi anche la terza tappa e la classifica generale, il trentino della Cannondale Pro Cycling è stato protagonista di una lunga fuga solitaria nell’ultima tappa (Porto Vecchio-Col de l’Ospedale 171,5 km). Un’azione con cui Moreno ha tentato di far sua tappa e corsa, visto che dal leader della generale lo separavano soltanto 4 secondi.

Credits Bettiniphoto

Tour Down Under

Parte dall’Australia la stagione 2016 di Moreno Moser che sarà al via del Tour Down Under. Sei tappe più il prologo Down Under Classic di 51 km che domenica 17 gennaio aprirà la corsa a tappe australiana evento inaugurale del calendario UCI World Tour e scelta dai principali team come ritorno alle corse. Tra queste la Cannondale Pro Cycling Team, che oltre a Moser schiererà sulle strade australiane i nuovi acquisti Clarke, Wippert, Woods, Bevin, oltre a Bettiol e Zepuntke.

Ritengo la nostra formazione molto forte” commenta il corridore trentino nelle interviste pre gara “Personalmente ho grandi motivazioni e penso di essere in buona forma, magari non così buona paragonata ad altri atleti che sono al via del Tour Down Under, ma certamente migliore di quella che normalmente ho in questo periodo. Sto bene e credo di poter correre una buona corsa”.

Il Tour Down Under si chiuderà domenica 24 gennaio, sempre ad Adelaide, la città che è base fissa per i team durante tutta la settimana e che ospita un vero e proprio festival del ciclismo legato all’evento. Elementi vincenti che di anno in anno fanno crescere la popolarità e l’appeal di questa corsa a tappe.

Glorie del Triveneto: premio per Moreno

PREMIAZIONE MORENO MOSERPremio speciale per Moreno Moser nell’ambito del tradizionale ritrovo dell’Associazione Glorie del Ciclismo Triveneto, presieduta da Mario Beccia, che si è tenuto presso il ristorante “Al Tezzon” di Camposampiero (Pd). La manifestazione, giunta alla 41^ edizione, consente a tanti campioni del passato di ritrovarsi e ricordare le imprese in bici, ma anche di coinvolgere le giovani promesse del ciclismo italiano, con l’iniziativa “I corridori di ieri premiano le promesse di oggi”.

Tra i presenti anche il talento trentino della Cannondale-Garmin che ha ricevuto uno speciale premio.

Nella top ten Mondiale

Campionati del Mondo Richmond 2015Moreno Moser è tra i dieci professionisti più forti al mondo a cronometro. A dirlo è il risultato della prova contro il tempo del Mondiale di Richmond, dove il trentino ha chiuso al decimo posto, al termine di una grande prestazione e precedendo alcuni tra i grandi specialisti. Un risultato che premia l’impegno e la determinazione di Moreno, che ha dimostrato di essere più che degno di questa convocazione mondiale e di essere soprattutto sulla strada giusta per ricominciare a sognare in grande.

Fuga e terzo posto

Vuelta Spagna 2015In una tra le tappe più insidiose di questa edizione della Vuelta, la 16esima da Luarca a Ermita de Alba Quiros (185 km) Moreno Moser è stato tra i protagonisti di giornata.

Prima bravissimo a entrare nella fuga giusta, partita dalla distanza, poi uno dei migliori a lavorare per incrementare e mantenere costante il vantaggio sugli inseguitori arrivato a un massimo di 22 minuti, infine uno degli ultimi a cedere alla forza e determinazione di Frank Schleck che con Rodolfo Torres si contenderà il successo finale.

Il trentino della Cannondale-Garmin ha saputo gestire bene le energie e a mantenersi a ridosso dei battistrada, con il lussemburghese imprendibile che andrà a vincere in solitaria la tappa. Con la grinta e la classe che da sempre lo contraddistingue, Moser ha concluso così al terzo posto con un distacco di 1’48” da Schleck e 38” da Torres.

Un brillante podio che fa bene al morale e che attesta le qualità innate di un talento pronto a tornare a splendere.

Per la prima volta alla Vuelta!

CM9CAOCWUAAprcJ.jpg-largeMoreno Moser debutta alla Vuelta a Espana. Per la prima volta in carriera, il trentino sarà al via del terzo Grande Giro della stagione, in cui ancora non aveva avuto l’occasione di essere schierato. Dopo Tour de France 2013 e Giro d’Italia 2014, il trentino della Cannondale-Garmin è felice di poter ora fare esperienza anche nella corsa a tappe spagnola.

Moser sarà uno dei venti italiani al via della Vuelta che scatta sabato 22 agosto con la cronosquadre di Marbella, lungo la Costa del Sol. Il suo team ha ufficializzato la presenza anche dell’altro azzurro Vilella.

Nella foto, il selfie scattato dal Team Cannondale-Garmin durante la presentazione ufficiale delle squadre al via della Vuelta a Espana

Tour de Pologne

Tour de France 2015Dolci ricordi e tanta voglia di riscatto accompagneranno Moreno Moser verso la partenza del Tour de Pologne, in programma dal 2 all’8 agosto. Nel cuore il trionfo del 2012, nella mente la determinazione per continuare sulla strada giusta, quella che nell’ultimo periodo lo ha visto brillare nella crono degli Italiani e tornare al successo con la vittoria di tappa in Austria. Nell’avvicinamento, è lui il protagonista di una bella intervista, diffusa dall’organizzazione della corsa a tappe polacca, che di anno in anno acquisisce prestigio e valore.

Partiamo dal 2012, che ricordo hai della tua vittoria al Tour de Pologne ?

“Ho un ricordo bellissimo. Era il mio primo anno tra i professionisti avevo già vinto due corse ma il Tour de Pologne è stata la corsa che mi ha davvero lanciato nel professionismo e fatto conoscere al grande pubblico. Vincere due tappe e la classifica finale di una corsa World Tour subito al primo anno non è cosa semplice. Per la conquista della maglia gialla c’è stato un bellissimo duello dalla prima all’ultima tappa tra me e l’idolo di casa Michal Kwiatkowski.”

Come arrivi all’appuntamento con il Tour de Pologne 2015?

“Mi sento bene, la condizione è buona e in crescita. Quest’anno sono tornato al successo, proprio pochi giorni fa ho vinto una tappa al Tour of Austria e ho fatto anche un terzo posto; in giugno ho chiuso al secondo posto il campionato italiano a cronometro. Insomma le cose stanno girando per il verso giusto. Inseguivo una vittoria da troppo tempo ormai. Sono contento, questa vittoria mi ha dato fiducia e morale per guardare con ottimismo ai prossimi impegni della stagione, a cominciare proprio dal Tour de Pologne.”

 

Quali sono i tuoi obiettivi per questo Tour de Pologne?

“Le ultime due stagioni per me non sono state semplici, ma adesso ho voglia di voltare pagina e andare avanti. Il percorso mi piace. La prima parte non è molto impegnativa, con le prime tre tappe sulla carta per i velocisti. So che le difficoltà inizieranno con la quarta tappa, con la novità dell’arrivo a Nowy Sacz. Ma credo che la corsa si deciderà nel finale con le tappe di montagna di Zakopane e Bukowina Tatrzansaka e la crono conclusiva di Cracovia. Parlare di obiettivi è presto, bisognerà vedere come si metterà la corsa per me e per la mia squadra. Comunque se non potrò lottare per la classifica mi piacerebbe provare a ritagliarmi uno spazio importante almeno in una tappa.”

 

Qual è il tuo rapporto con il Tour de Pologne?

“C’è un rapporto speciale, come detto la mia prima grande vittoria è arrivata qui. Il pubblico polacco è sempre stato caldo nei miei confronti, si sente che c’è una grandissima passione per il ciclismo. Inoltre con gli organizzatori del Lang Team c’è grande stima e amicizia. Mio zio Francesco e Czeslaw Lang hanno corso insieme e sono molto legati tra loro. Quest’anno ha giugno ho partecipato alla prima edizione del Tour de Pologne Challenge Trentino, la granfondo con arrivo sul passo Pordoi organizzata dal Lang Team in collaborazione con il Trentino Marketing, che ha portato tanti polacchi a pedalare sulle Dolomiti. Io, mio zio Francesco, mio cugino Ignazio e Czeslaw Lang abbiamo pedalato insieme in mezzo a tanti appassionati, è stata davvero una bellissima esperienza, sicuramente da ripetere!”

L’ultima in Austria è un successo!

AUSTRIA_ET8_2Sprint vincente di Moreno Moser nella tappa finale del Giro d’Austria. E’ lui il più veloce sul traguardo di Bregenz, arrivo della nona frazione, con partenza da Innsbruck.

Voglio ringraziare innanzitutto la mia squadra” racconta felice il trentino della Cannondale-Garmin “mi hanno aiutato moltissimo, soprattutto nell’ultimo km, dove era importante farsi trovare davanti e i miei compagni mi hanno aiutato a farmi trovare esattamente dove dovevo essere. Abbiamo reso dura la corsa e ci siamo sempre stati in ogni fase della tappa. Per quanto riguarda lo sprint, eravamo un gruppo di circa 60 uomini e di solito questo tipo di volate non è adatto alle mie caratteristiche, ma ieri sono riuscito a disputare un buono sprint per il terzo posto, così ho voluto riprovarci oggi e sono contento di poter ricompensare i miei compagni con una vittoria. Quando ho tagliato il traguardo non ero nemmeno sicuro di avere vinto, ho persino chiesto a Tanner se l’avevo battuto o no, e dalla sua risposta ho realizzato di essere io il vincitore. Tornare sul gradino più alto del podio è una sensazione stupenda”.

 

Una vittoria che per il trentino della Cannondale-Garmin vale tantissimo, perché è la prima della stagione e soprattutto perché rappresenta un netto segnale di ripresa dopo un periodo opaco.

L’argento al Campionato Italiano a cronometro e terzo posto ottenuto proprio ieri nella competizione austriaca, avevano lasciato intuire che Moreno era sulla strada giusta e prima o poi, il tanto atteso successo sarebbe arrivato, come una liberazione, a spazzare via ogni dubbio. Moser c’è ancora e d’ora in poi, sarà più “leggero” sulla sua bici, verso nuovi ambiziosi traguardi.

Giro d’Austria

Campionato Italiano Cronometro 2015Dal 4 al 12 luglio Moreno Moser sarà impegnato in Austria per l’Österreich Rundfahrt. Il trentino della Cannondale-Garmin affronterà la breve corsa a tappe con il morale alto, a seguito dell’argento conquistato ai Campionati Italiani a cronometro. Si parte domani con una cronometro a squadre.

Campionato Italiano Crono: è podio!

Campionato Italiano Cronometro 2015Moreno Moser ritrova il podio, è quello del Campionato Italiano a Cronometro,che si è svolto oggi a Bogogno (No), dove si piazza al secondo posto. La maglia tricolore della specialità contro il tempo si riconferma sulle spalle di Adriano Malori, tra i più forti a livello internazionale quando si tratta di crono. Il trentino della Cannondale Garmin ferma il cronometro a 1’01” dal vincitore, oltre una decina di secondi meglio di Daniele Bennati, che completa il podio al terzo posto. Sorridente e soddisfatto Moreno Moser, che ritrova un podio utile soprattutto per il morale.

Sapevo che Malori sarebbe stato imbattibile, ma non mi aspettavo invece di fare meglio di Boaro o del mio compagno di squadra Marangoni. Per questo posso essere felice per la mia prova e credo che finora sia stata la migliore della stagione. Mi sono sempre piaciute le cronometro e oggi ho corso cercando di dare ascolto alle mie sensazioni. Il fisico ha risposto bene e ora concentrato sui prossimi impegni”.

 

Campionato Italiano Cronometro 2015

Gp Gippingen

Giro del TrentinoDopo un mese d’assenza dalle corse, Moreno Moser è pronto a riattaccarsi il numero sulla schiena. Domani sarà al via del Gp Canton d’Argovia-Gippingen, corsa in linea che fa da antipasto al Giro di Svizzera a cui parteciperà dal 13 al 21 giugno.

Assente al Giro d’Italia, il trentino della Cannondale ha voglia di tornare presto a poter dimostrare il proprio talento, fiducioso della preparazione e ottimista dopo quanto di buono fatto al Giro del Trentino.

Obiettivo a breve termine è il Campionato Italiano, a cui Moser tiene particolarmente e dove vorrebbe mettersi in evidenza. Le strade svizzere saranno un test importante in vista di questo appuntamento.

Giro del Trentino

Modificato il programma e saltate le Classiche delle Ardenne, Moreno Moser si riprenderà il palcoscenico sulle strade di casa. Dal 21 al 24 aprile i tifosi lo potranno sostenere al Giro del Trentino Melinda. L’occasione è ghiotta per dare un segnale convincente in vista di una possibile partecipazione al Giro d’Italia.

Critérium International

Trasferta in Corsica per Moreno Moser. Il trentino della Cannondale-Garmin fa parte della squadra selezionata per il Critérium International, che si svolge in due giornate. Domani doppia frazione: la prima adatta ai velocisti e la seconda una cronometro di 7 km. Più interessante per Moreno sicuramente la tappa del giorno successivo, caratterizzata dall’arrivo in salita al Col l’Ospedale, dopo aver superato altri cinque colli.

Dal 7 al 10 aprile, altra breve corsa a tappe per Moser che sarà al via del Circuit Cycliste Sarthe.

Milano-Sanremo

Dopo Laigueglia, Strade Bianche e Tirreno-Adriatico, Moreno Moser affronterà un altro appuntamento di rilievo nel calendario internazionale in programma sulle strade italiane. Sarà infatti al via della Milano-Sanremo. Insieme a lui il connazionale Davide Vilella. Questa la rosa della Cannondale-Garmin per la Classica di Primavera: Navardauskas, Bauer, Haas, Hansen, King e Langeveld. Si torna al passato con il traguardo in via Roma. Finale per velocisti, ma rispetto alle altre grandi classiche, la Sanremo è quella da sempre con l’esito più incerto e negli ultimi anni, soprattutto, non sono mancate le sorprese.

Trofeo Laigueglia

Prima corsa italiana della stagione per Moreno Moser. Una gara speciale, perché il Laigueglia ha rappresentato la prima vinta da professionista, quando il campione trentino aveva solo 21 anni. Quest’anno avrà la possibilità di essere di nuovo al via di questo tradizionale appuntamento, elevato alla categoria HC che insieme alle corse World Tour rappresenterà gli unici eventi in cui i tifosi potranno vedere Moreno in azione in Italia in questa stagione con il nuovo team Cannondale-Garmin.

Come arriva Moser alla corsa in programma domani e con quali obiettivi, lo scopriamo nell’interessante intervista esclusiva concessa al sito dedicato alla storia del Trofeo Laigueglia.

Ecco alcune dichiarazioni: “Dopo aver affrontato con buoni risultati la trasferta australiana (culminata con un 7° posto alla Cadel Evans Road Race) purtroppo al rientro in Italia mi sono ammalato e quindi ho lavorato poco per continuare a migliore la mia forma…la mia condizione non sarà ottimale però è una gara che si adatta alle mie caratteristiche e che ho già vinto quindi cercherò di onorare il più possibile la storia di questa grande classica”.

Per leggere il resto dell’intervista, clicca il link

http://trofeolaiguegliastory.jimdo.com/interviste/

Strade Bianche: in trasferta con il Fanclub!

Strade Bianche By Limar 2013

Si avvicina un appuntamento in calendario che Moreno Moser ha particolarmente a cuore: le STRADE BIANCHE in programma il prossimo 7 MARZO. Per questo il suo Fanclub sta organizzando come ogni anno la trasferta per essergli ancora più vicino e sostenerlo con il calore dei tifosi.

A disposizione dei fan un pullman che partirà da Palù di Giovo. La quota di partecipazione sarà di 25 euro per i tesserati e di 30 euro per i non tesserati. Questi ultimi avrannno comunque la possibilità di acquistare sia la tessera del Fanclub, sia la maglietta ufficiale.

L’iscrizione ed il saldo dovranno essere effettuate entro e non oltre il 27 febbraio.

 

Questo il programma della giornata:

- partenza da Palù di Giovo ad ore 4.30
- sosta a Lavis, Trento, Rovereto, Verona con possibilità di ulteriori fermate lungo il tragitto
- arrivo a San Gimignano per assistere alla partenza dei corridori
- trasferimento a Siena (Piazza del Campo) dove si assisterà all’arrivo dei corridori verso le 15:30 circa
- pranzo (spese a carico dei partecipanti)
- partenza da Siena ad ore 18.00 circa ed arrivo a Trento ad ore 22.00 circa.

Per informazioni contattare il Fan Club Moreno Moser: info@fanclubmorenomoser.com

Australia: nuovo inizio!

moreno moser-headshotParte dall’Australia la nuova stagione agonistica di Moreno Moser. Un nuovo inizio per il campione Trentino approdato nella nuova formazione Cannondale-Garmin Pro Cycling Team e pronto quindi ad affrontare la prima gara dell’anno con nuovi stimoli e motivazioni.
L’esordio avverrà nel primo appuntamento World Tour dell’anno, il Santos Tour Down Under, che si correrà dal 20 al 25 gennaio. L’evento sarà come da tradizione preceduto dalla People’s Choice Classic di domenica 18 gennaio, nello spettacolare circuito cittadino di Adelaide.
Nella formazione per la corsa a tappe australiana, oltre a Moser ci saranno l’altro italiano del team, Davide Vilella, Ryder Hesjedal, uno dei favoriti, l’australiano Natan Haas, Lasse Hansen, Jack Bauer e Alex Howes. A guidarli dall’ammiraglia il direttore sportivo Robbie Hunter.

Per maggiori info sull’evento, ecco il link al sito ufficiale http://www.tourdownunder.com.au

Tesseramento 2015

cartolinaIl cuore dei tifosi batte sempre più forte per Moreno Moser. Indipendentemente da come sia andata la stagione, la voglia di festeggiare il loro idolo c’è sempre e anche quest’anno si sono dati appuntamento ufficiale per farlo.

La festa è organizzata per sabato 8 novembre quando il Fan Club offrirà a tutti i partecipanti una castagnata presso il Palazzetto dello Sport di Palù di Giovo (Tn) a partire dalle ore 20.30

Sarà l’occasione per augurare al campione trentino una stagione ricca di successi e soddisfazioni con indosso la nuova maglia della Garmin. Inoltre sarà dato il via alla campagna di tesseramento 2015.

Japan Cup

Il Lombardia 2014Con la Japan Cup si chiude la stagione 2014. Una corsa significativa per Moser e il Team Cannondale che saluta il mondo del ciclismo professionistico. Per onorare l’ultima apparizione con questa maglia, Moreno ha tentato di mettersi in luce, allungando all’ultimo km. Ripreso, si è trovato a disputare la volata con un gruppo ristretto formato da una decina di uomini, giungendo ottavo al traguardo di Hutsonomya, dietro al compagno di squadra Formolo, al termini di una corsa selettiva, lungo un circuito di 14,1 chilometri da ripetere per dieci volte, adatto a corridori veloci e con resistenza in salita.

Ad aggiudicarsi la Japan Cup è stato il corridore australiano della Garmin Sharp Nathan Haas davanti a Edvald Boasson Hagen e Grega Bole.

Rientro alle corse

Tour de San Luis  2014Il Giro del Trentino, in vista di un Grande Giro. E’ ufficiale, Moreno Moser e il management della Cannondale Pro Cycling hanno sciolto le riserve e a maggio sarà al via del Giro d’Italia.

Prima il rientro alle corse, dopo aver pienamente recuperato dal dolore al ginocchio sinistro patito alla Tirreno-Adriatico che lo ha costretto ad un lungo stop. Lo farà sulle strade di casa, partecipando al Giro del Trentino.

Già definito anche il resto del programma di avvicinamento alla Corsa Rosa: Moreno sarà infatti al via del Tour de Romandie, dal 29 al 4 maggio.

Sono molto felice di poter essere al Giro quest’anno” – le dichiarazioni di Moser diffuse dal Team Cannondale – “Sono sempre stato affascinato da questa corsa, grazie anche al rapporto speciale che ha avuto in passato la mia famiglia. Ricordo le storie che raccontava mio zio Francesco e poi i successi di Gibo Simoni in prima persona. Il nostro paese, Palù di Giovo, si fermava quando c’era il Giro. Il parroco aveva addirittura pitturato le campane di rosa per festeggiare la vittoria di Gibo. Sono cresciuto con il sogno di poterlo correre. Ora che sono un corridore professionista, questo sentimento non è cambiato. L’anno scorso ho capito perché il Tour de France è il più importante evento nel ciclismo, e mi ha fatto piacere esserci. La voglia di essere al Giro, però, è sempre stata superiore“.

Le prossime settimane serviranno per preparare la corsa nel migliore dei modi. Trentino e Romandia saranno due step importanti per crescere in condizione. Avrò l’opportunità di studiare più a fondo le tappe del Giro, anche se solo sulla carta. Il mio obiettivo è lasciare un segno. Una vittoria di tappa sarebbe un bellissimo regalo con cui poter tornare a casa

 ”Vediamo in Moreno il perfetto cacciatore di tappe per il Giro” ha spiegato il team manager della Cannondale Pro Cycling Roberto Amadio. “L’esperienza dell’anno scorso al Tour de France è stata uno step importante per la sua crescita, sia in termini di resistenza fisica che di pressione ai grandi eventi. Pensiamo sia pronto per gareggiare davanti al suo pubblico e regalare una prestazione maiuscola. Insieme a Ivan Basso per la classifica generale, Elia Viviani e Oscar Gatto per le tappe, abbiamo tutto ciò che serve per vivere un Giro da protagonisti”.

Niente Sanremo

Tirreno Adriatico 2014Moreno Moser non sarà al via della Milano-Sanremo, in programma domenica, a causa di un dolore al ginocchio sinistro causato da una tendinopatia inserzionale distale del muscolo quadricipite. Moser aveva accusato dolori al ginocchio durante la Tirreno-Adriatico e nell’ultima tappa, la cronometro individuale a San Benedetto del Tronto, precauzionalmente non era partito. Mercoledì è stato sottoposto ad una visita ortopedica specialistica con esiti rassicuranti. Questa mattina, al termine dell’ultimo intenso allenamento prima della corsa, Moser ha però accusato il riacutizzarsi del dolore. Il responsabile sanitario del team dottor Roberto Corsetti, d’accordo con l’atleta ed il management, ha così deciso per uno stop dell’attività agonistica e per un periodo di riposo di dieci giorni.

Mi spiace molto dover rinunciare alla Milano-Sanremo, una delle classiche che più mi piace” ha detto Moser. “La Tirreno-Adriatico era servita per preparare questo appuntamento al meglio. In questo momento della stagione però non è il caso di prendere rischi e pregiudicarne il resto. Ci sono obiettivi importanti che voglio affrontare al top. Il rammarico di non poter essere al via è forte, ma è importante anche guardare oltre. Farò tutto ciò che serve per recuperare al meglio e, appena possibile, tornare ad allenarmi con costanza“.

Ed ora la Tirreno-Adriatico

Tour de San Luis  2014Sarà Moreno Moser una delle stelle della Cannondale Pro Cycling per la Tirreno-Adriatico. La “Corsa dei Due Mari” rappresenta uno degli eventi clou di questo periodo e il campione trentino è pronto a mettersi a disposizione del team per raggiungere risultati ambiziosi.

Si parte domani da Donoratico in Toscana con una cronometro a squadre. Il resto delle sei tappe, comprende oltre ad una crono individuale di chiusura, una serie di interessanti percorsi, adatti anche a rifinire la forma per le classiche, tra cui in primis la Sanremo. “Correre una competizione ad alto livello come la Tirreno-Adriatico è già di per sé un obiettivo” racconta Moreno nella nota stampa diffusa dal team “La voglia di fare bene e, perché no, vincere una tappa, è forte ma non deve essere uno stress. Così sarebbe solo controproducente. Penso che il modo migliore per me di affrontare la corsa sia viverla alla giornata. Non voglio fissarmi su una tappa in particolare, ma solo essere pronto a sfruttare tutte le occasioni che potrò avere. La classifica generale ora come ora non lo vedo un obiettivo, meglio pensare alle tappe“.

 

Strade Bianche, che emozione!

Tour de San Luis  2014Un anno fa, a Siena, la vittoria era stata spettacolare. Moreno Moser torna a correre la Strade Bianche con attaccato sulla schiena un dorsale che pesa: il numero uno. Domani tra la polvere dell’eroica cosa toscana, il talento della Cannondale rivivrà grandi emozioni: “Sono felice di poter tornare a competere su queste strade, che mi riportano alla mente il più bel successo ottenuto finora in carriera. E’ un percorso con caratteristiche uniche, per il quale mi sento portato”.

Dopo due corse a tappe, che sono servite soprattutto per far crescere la condizione, Moreno si misurerà su una gara in linea: “Le sensazioni provate nell’ultima corsa, il Tour of Oman, sono state incoraggianti. La condizione è cresciuta gradualmente dall’inverno e il livello raggiunto è buono. Credo di poter essere con i migliori domani. Ciò che più mi manca ora è la competizione per la vittoria, l’adrenalina che ti spinge quando sei nel finale e sai di potertela giocare. Ora sento di essere sulla strada giusta per tornare a riassaporare questa sensazione”.

Tour of Oman

Presentazione Cannondale Pro Cycling 2014Dopo l’Argentina, arriva una trasferta in Medio Oriente per Moreno Moser. La Cannondale Pro Cycling sarà schierata al via del Tour of Oman dal 18 al 23 febbraio. Una corsa a tappe di spessore, dove prenderanno il via numerosi big del ciclismo internazionale. Per chi come il giovane trentino ha nel mirino le corse di primavera, sicuramente questo appuntamento servirà per arrivarci in forma.
Nel corso dell’ultimo mese, Moreno ha effettuato una sessione di allenamento in Spagna, insieme ai compagni Basso e Longo Borghini, più un mini ritiro sulle strade liguri che gli è servito oltre che per potersi allenare in bici senza dover rinunciare per il brutto tempo, anche per provare gli ultimi chilometri del nuovo percorso della Sanremo.
Ecco le dichiarazioni di Moser diffuse dalla Cannondale Pro Cycling, alla vigilia di quello che per lui è un debutto al Tour of Oman:
L’inizio di questa stagione è stato differente rispetto al passato, sia nel calendario che nell’approccio. In Argentina l’obiettivo era lavorare per trovare il ritmo di corsa e non potevo essere veramente competitivo. Il risultato è stato positivo. Con gli allenamenti svolti nelle ultime settimane ho migliorato ancora la condizione. In Oman voglio fare un ulteriore salto di qualità per affrontare nel migliore dei modi i prossimi importanti appuntamenti

Presentazione rock

Presentazione Cannondale Pro Cycling 2014Da divo di Hollywood a rockstar. Se lo scorso anno la presentazione del team Cannondale strizzava l’occhio al mondo del cinema, quella del 2014 è stata invece all’insegna della musica, come si addiceva alla location dell’evento, il Canyon Club di Los Angeles, adibito a spettacoli dal vivo. In quest’occasione, protagonista della performance live è stato un sorprendente Moreno Moser in versione cantante rock.

Ciclista di professione, con la musica nel sangue, il campione trentino aveva già provato in passato a dilettarsi come cantante in un gruppo, anche se l’esperienza non è durata neanche un mese. La passione però è rimasta e si è visto. Applausi a scena aperta per lui, che è riuscito a coinvolgere ed entusiasmare il pubblico con due brani: Molly’s Lips dei Nirvana e un omaggio alla California, Sweet Home Alabama.

Un inizio di stagione rock insomma per Moreno e compagni, che si augurano di essere rock anche sulle strade. Per Moser, con le corse si parte dall’Argentina, dove sarà al via del Tour de San Luis. E’ da lì che inizierà a suonare la sua stagione.

Festa di fine stagione per Moreno Moser ed il suo Fans Club

moser fan club 2013A Palù di Giovo (Tn) fervono i preparativi per la grande festa organizzata dal Fans Club di Moreno Moser in programma sabato 21 dicembre alle ore 20.00 presso il Palazzetto dello Sport (Via delle Scuole 1).

Il presidente Tommaso Pellegrini e tutto lo staff sono al lavoro per garantire anche quest’anno degni festeggiamenti al loro beniamino, per rivivere con lui le emozioni della stagione 2013 e visto l’avvicinarsi dell’anno nuovo, per augurargli un 2014 ancora più vincente e ricco di soddisfazioni.

Dopo il successo della scorsa edizione, coincisa con l’inaugurazione del primo Fans Club dedicato al campione trentino, l’appuntamento di quest’anno si preannuncia ancora più sorprendente.

Per chi lo desidera, oltre al tesseramento 2014 (10 € il costo della tessera), a partire dalle ore 20.00 si potrà cenare in compagnia naturalmente di Moreno Moser, ma anche di altri campioni del ciclismo di oggi e del passato, ospiti dell’evento. Al costo di 20 € comprensivi di gadget e pre-tesseramento, il menu offre aperitivo, primo piatto, bevande ai tavoli e torta. La cena è gratuita per i ragazzi di età inferiore ai 12 anni, che se desiderano tesserarsi avranno una riduzione per la tessera di 5 €. Non è necessaria la prenotazione. Per chi non partecipa alla cena, l’ingresso sarà consentito dopo le 22.30

Per ulteriori informazioni, è possibile consultare la pagina Facebook dedicata all’evento https://www.facebook.com/events/330252677117075/, il sito web ufficiale del Fan Club www.fanclubmorenomoser.com oppure inviare una mail all’indirizzo: fanclubmosermoreno@gmail.com

ExpoBici Padova

moser_expobiciTifosi in delirio per Moreno Moser, che nella giornata di apertura di ExpoBici a Padova ha accolto con piacere l’invito di vari sponsor del Team Cannondale presenti in fiera.

Per il giovane trentino è stato un vero e proprio bagno di folla, tra i fans che chiedevano autografi e fotografie ricordo con il loro idolo. Presso gli stand di alcuni brand che supportano il suo team, Moreno si è sottoposto volentieri a sessioni fotografiche e alla firma di poster che lo ritraggono in azione. In attesa di rivederlo in bici, in moltissimi hanno voluto manifestare il loro affetto e sostegno, augurandogli una prontissima guarigione.

Periodo di riposo

Tour de France 2013Niente corse per Moreno Moser, finché l’esito degli esami a cui si è sottoposto non permetteranno di avere un quadro più completo sul suo stato fisico.

E’ quanto ha diffuso oggi il Team Cannondale Pro Cycling con un comunicato ufficiale, dove si fa sapere che “lo staff medico di comune accordo con il management ed il corridore, ha deciso di concedere un periodo di riposo dall’attività agonistica al proprio tesserato. L’esito dei riscontri clinici ed ematochimici effettuati nei giorni scorsi hanno consentito di rilevare uno stato di affaticamento , associato ad un lieve calo delle difese immunitarie. Nei prossimi giorni saranno effettuati nuovi e più approfonditi test ematochimici, oltre ad una consulenza specialistica immunologica. Alla luce dei riscontri che emergeranno sarà possibile definire i tempi per il rientro di Moser all’attività agonistica”.

Attraverso i social network, sono numerosi i fan che stanno facendo pervenire gli auguri di pronta guarigione per Moreno, con la speranza di rivederlo in bici prima della fine della stagione.

Classica di Amburgo

Dopo uno sfortunato Eneco Tour in cui è stato costretto al ritiro a causa della febbre, Moreno Moser è pronto a risalire sulla sua Cannondale per un’altra corsa.

Domenica sarà al via della Vattenfall Cyclassics, la Classica di Amburgo in Germania, valida come prova UCI World Tour. Il trentino si unirà al gruppo che oggi affronta la Dutch Food Valley Classic a Veenendaal in Olanda, capitanato da Viviani. Insieme saranno gli uomini di punta per la corsa tedesca della formazione guidata in ammiraglia da Volpi.

Stop per febbre

bus cannondale_moserLa febbre ferma Moreno Moser. E’ lui stesso a comunicarlo ai suoi tifosi attraverso twitter con questo messaggio, accompagnato da una foto scattata all’interno del bus Cannondale: “Dopo 2 giorni che correvo con la febbre ieri ho dovuto ritirarmi. Oggi si guarda la tappa in Bus con Luigino Moro”.

Il trentino non ha completato la sesta tappa dell’Eneco Tour che si conclude oggi. Rientrerà quindi come previsto insieme alla squadra e nei prossimi giorni, in base alle sue condizioni, si valuterà se schierarlo al via della successiva gara in calendario: la Classica di Amburgo.

Si riparte con l’Eneco Tour

Dopo la buona prova di San Sebastian, si riparte con nuovi stimoli. Prossimo impegno, sarà una corsa a tappe, l’Eneco Tour che scatta domani da Koksijde, in Belgio e terminerà domenica 18 agosto a Geraardsbergen, sempre in Belgio, dopo aver attraversato anche l’Olanda.

Sette tappe in cui Moreno proverà a mettersi in evidenza. Sarà lui l’uomo di punta della Cannondale Pro Cycling, insieme a Viviani, il quale punterà in particolare sulle volate. La squadra è poi composta da Boivin, Paterski, Bodnar, Dall’Antonia, Marangoni e Vandborg.

Molto bene a San Sebastian!

Clasica San Sebastian 2013E’ stata un’eccellente prestazione quella di Moreno Moser alla Clasica San Sebastian. Il giovane trentino ha chiuso la corsa al settimo posto, a 51 secondi dal vincitore Gallopin, giunto al traguardo in solitaria portando a termine l’azione decisiva che lo aveva visto scattare a dodici km dalla conclusione sull’alto del Jaizkibel.

L’impegnativa salita, da percorrere due volte, ha frazionato il gruppo con Moreno bravissimo a rimanere tra i quindici di testa. Il campioncino della Cannondale ha dimostrato di avere buone gambe, mancate purtroppo soltanto nel finale, dove non è riuscito a rimanere agganciato al primo gruppo inseguitore del francese, ma si è riscattato a ridosso dell’arrivo, andando a far sua la volata del secondo gruppetto e risultando primo degli italiani.

In Spagna per l’Ordizia e la Clasica San Sebastian

Tour de France 2013Dalla Francia alla Spagna. Moreno non si ferma dopo il Tour de France, ma è subito pronto per salire in bici per altri due appuntamenti:  la Villafranca-Ordiziako Klasika in programma domani e la prestigiosa Clasica San Sebastian che si correrà sabato.

Moser sarà uno degli uomini di punta della Cannondale Pro Cycling, visto anche il buon momento che sta attraversando, che lo ha visto protagonista nell’ultima settimana della Grande Boucle.

Questi i suoi compagni di squadra in entrambi gli impegni: De Marchi, Caruso, Koren, Agostini, Canuti, Krizek e Longo Borghini. A dirigerli dall’ammiraglia il Ds Biagio Conte.

Sull’Alpe d’Huez è terzo!

Tour de France 2013Nella tappa simbolo del Tour, Moreno Moser lascia il segno. Voleva una grande impresa, in questa sua prima partecipazione alla Grande Boucle, per emozionare gli appassionati di ciclismo ed i suoi tifosi e l’occasione è arrivata proprio nella tappa regina, quella con arrivo sulla leggendaria Alpe d’Huez.

In fuga fin dalle prime battute, dopo soli 13 km, con altri nove, si è distinto già al primo passaggio previsto sull’Alpe: tornante dopo tornante (21 in tutto) il trentino della Cannondale

ha scalato la salita di 12.3 km con pendenza media dell’8,4% riuscendo a togliersi la soddisfazione di transitare per primo al Gpm. Con lui rimanevano soltanto Riblon e van Garderen, che si sarebbero poi giocati la vittoria nel finale. Prima tenta l’allungo lo statunitense, poi il francese lo riprende e supera ai meno due, andando a prendersi una vittoria storica. Moser resiste e al traguardo giunge terzo con 1’27” di ritardo dal vincitore.

E’ stata una grandissima emozione” confida dopo l’arrivo “la conserverò per sempre. Non ho rimpianti, è stato davvero bello provarci. Stamattina in riunione non pensavamo che una fuga potesse andare in porto, ma non ho resistito alla tentazione e quando poi in corsa è nata la fuga, mi sono unito e ho fatto bene! Sono molto soddisfatto di questo terzo posto. Una giornata così, è quello che cercavo al Tour, dove la mia condizione è in crescita rispetto alla prima settimana. Erano queste le risposte che mi attendevo”.

Al Tour de France per stupire

Tour de France 2013Il Campionato Italiano non è andato come sperava, ventiduesimo al traguardo di Fondo, ma Moreno Moser guarda già oltre, perché sabato scatta dalla Corsica il Tour de France e il debutto, vorrebbe che fosse di quelli che si ricordano per tanto tempo.

La prima volta di Moreno alla Grande Boucle, non certo quella di un Moser. 38 anni dopo la partecipazione dello zio Francesco, il giovane talento trentino fa il suo esordio in terra francese presentandosi come uno dei giovani più interessanti del gruppo. Il Tour rappresenterà per lui un’occasione di riscatto, dopo una prima parte di stagione segnata dall’impresa delle Strade Bianche, ma per il resto meno gratificante di quanto egli stesso si potesse aspettare. Senza la pressione di dover far classifica Moreno sarà al via con l’obiettivo di stupire, cercando di fare risultato in qualche tappa.

Obiettivo tricolore

Moreno Moser on stage nine of the 2013 Tour de SuisseHa tre colori in testa Moreno Moser per la gara di domani: il verde, il bianco e il rosso. Sulle strade del suo Trentino si corre infatti la prova in linea del Campionato Italiano, quest’anno abbinato al Trofeo Melinda. Da Malè a Fondo, 229 km per provare a vestirsi di tricolore e portare al Tour l’ambita maglia.

Dopo il terzo posto dello scorso anno, il giovane della Cannondale Pro Cycling ha messo questa competizione tra i possibili obiettivi della stagione, per lo speciale significato che ha da trentino correre gli Italiani in casa e per il percorso che si adatta alle proprie caratteristiche. Un tracciato duro quello del Melinda, dove sempre nel 2012 era riuscito ad arrivare secondo.

Oltre alla prova in linea, Moreno correrà il giorno successivo anche la prova a cronometro del Campionato Italiano.

Seconda parte di stagione al via con il Tour de Suisse

288x235_moser_liegiParte dalla Svizzera la seconda parte di stagione di Moreno Moser. Il talento della Cannondale sarà, infatti, uno degli uomini di punta per il Tour de Suisse, che scatta domani con un cronoprologo. Insieme a lui gli altri big Sagan e Caruso, in cerca di risultati supportati da Agostini, Haedo, King, Koch e Longo Borghini.

La corsa si apre con una cronometro che mi intriga parecchio. Anche se non sarà facile ripetere o migliorare il terzo posto dell’anno scorso” ha spiegato Moser “Il resto della corsa cercherò di viverlo giorno dopo giorno, senza assilli. Il mio programma è finalizzato ad arrivare in condizione al Tour de France. E poi si tratta della corsa del rientro dopo un mese. La voglia di competere è tanta e non mi risparmierò, ma non voglio neanche creare, e crearmi, inutili aspettative. Punto a crescere e migliorare la forma, tutto ciò che verrà sarà ben accetto”.

Per Moreno la corsa a tappe svizzera rappresenterà inaffti l’inizio del percorso di avvicinamento al Tour de France, il Grande Giro nel suo calendario corse di quest’anno. Dopo un periodo di riposo dalle corse e dedicato agli allenamenti, seguito al Gp Francoforte, Moser si riavvicina alle gare con un impegno che sarà una buona base non soltanto per il Tour. A breve termine c’è infatti un obiettivo, che il giovane trentino non nasconde di voler provare a centrare: il Campionato Italiano, che si corre quest’anno in Val di Non, versione speciale del Trofeo Melinda. Sulle sue strade e davanti ai suoi numerosi tifosi, sarebbe ancora più bello vestire il tricolore.

“La Volata del lunedì” con Moreno

moser volata lunedìApprofittando del periodo di pausa dalle corse, Moreno Moser ha accettato volentieri l’invito a partecipare ieri come ospite della rubrica “La Volata del lunedì”, in programma sul nuovo canale televisivo tematico Bike Channel (Sky 237).

Puntata speciale, in occasione del Giro d’Italia, in onda dalle località sede di tappa, il campione trentino era in collegamento dallo studio di Milano insieme al suo manager Alex Carera, Andrea Noè e Miss Ciclismo 2012, Alessia Franchi, co-conduttrice del programma con Pier Augusto Stagi, che da Marina di Ascea, luogo di arrivo della terza tappa, ha ospitato i protagonisti della tappa partita da Sorrento.

Niente bis: a Francoforte è secondo

GP Francoforte 2013Non si può dire che non ci abbia provato. Moreno Moser al GP di Francoforte è stato protagonista di un finale arrembante, all’attacco insieme a Pozzovivo e Spilak sull’ultima salita, per evitare l’arrivo in volata.

I tre sono riusciti a tenere lontano il gruppo fino all’ultimo km, quando si è riportato pericolosamente sotto, ma non abbastanza per riprendere il capitano della Cannondale e il portacolori della Katusha, che si sono giocati la vittoria finale al traguardo. Moreno ha provato ad anticipare Spilak, dando fondo alle ultime energie residue per il decisivo scatto finale, ma lo sloveno, in grande condizione, non gli ha lasciato scampo.

Niente bis, quindi per il trentino, che sale sul secondo gradino del podio, con un po’ di amarezza perché per come si era messo il finale, ripetere l’impresa era più di una speranza. Al di là del risultato, Moser ha offerto ancora una volta sulle strade tedesche azioni entusiasmanti per la gioia dei suoi tifosi e degli appassionati di ciclismo.

GP Francoforte: riprovaci Moreno!

GP Francoforte 2012 Moser ci riprova. Si corre domani il Gp Francoforte (Rund um den Finanzplatz Eschborn-Frankfurt) una delle gare che lo scorso anno ha consacrato il talento del giovane campione della Cannondale.

C’è grande attesa da parte dei tifosi, ma non solo. Rivedere la stoccata vincente di Moreno è sempre uno spettacolo e lui zitto zitto, non vede l’ora di cogliere l’occasione per ripetersi.

Nella classica corsa in linea tedesca, domani Moser potrà contare sul supporto di Alessandro De Marchi, Stefano Agostini, Federico Canuti, Lucas Haedo, Michel Koch e Matthias Krizek, pronti ad aiutarlo se il finale non evolverà in una volata. Come spiega il DS Paolo Slongo: “Abbiamo allestito una formazione attrezzata per gestire qualsiasi evoluzione possa avere il finale di corsa. Sulla carta ci sono diverse squadre che cercheranno l’arrivo in volata. In quel caso la nostra punta sarà Haedo. Moser e De Marchi sono usciti in crescendo dal Tour de Romandie e con le loro caratteristiche potremmo cercare un finale diverso. Valuteremo in corsa la soluzione migliore per giocarci la vittoria”.

Miglior italiano nel prologo del Romandie

Comincia bene il Tour de Romandie per Moreno Moser, che nel prologo chiude undicesimo a 18 secondi dal vincitore Chris Froome, tra i favoriti alla vittoria finale. E’ lui il migliore degli italiani nella cronometro d’apertura di 7,4 km da Le Chable a Bruson, con finale in salita con arrivo in quota a 1.110 mt. Un’ottima prova, che conferma così le buone sensazioni che il trentino aveva provato durante la Liegi, dimostrando di essere sulla strada giusta per ritrovare la migliore condizione.

Le prossime tappe, gli serviranno soprattutto per questo, ma Moser non si tira indietro, se si presenterà un’opportunità andrà anche in cerca di un buon risultato.

Già domani ci sarà da affrontare una tappa insidiosa, con il Gpm di Col du Mollendruz situato ad una trentina di km dall’arrivo, che potrà fare la differenza.

Moreno correrà anche il Tour de Romandie

D’accordo con la squadra, Moreno Moser ha deciso di inserire nel suo programma di corse di quest’anno anche il Tour de Romandie.

Dopo le Classiche delle Ardenne, concluse ieri con la Liegi-Bastogne-Liegi, Moreno si è messo così subito in viaggio con il team verso la Svizzera francese, dove da domani a domenica 28 aprile, avrà luogo questa classica corsa a tappe, che lo scorso anno ha visto trionfare Bradley Wiggins.

Il giovane trentino della Cannondale, cercherà di sfruttare le buone sensazioni avute in particolare dalla Liegi, dove è riuscito a rimanere con il gruppo dei migliori fino alla cote di Colonster – novità di questa edizione – tanto da commentare così via twitter: “Oggi, per qualche minuto, ho risentito le sensazioni dei tempi migliori, che sembravano ormai dimenticate”.

Le Classiche delle Ardenne

Amstel Gold Race, Flèche Wallonne e Liegi-Bastogne-Liegi. Ecco il trittico delle Classiche delle Ardenne, una settimana intensa, ricca di spettacolo, che Moreno si augura di regalare ai propri tifosi.

Domenica, mercoledì e la domenica successiva, questi i giorni da segnarsi sul calendario per tifare il proprio idolo. Saranno corse impegnative con la corsa olandese e le sue 34 côte da Maastricht a Valkenburg ad aprire le danze.

Dopo l’ottima prestazione di Sagan di recente e in questa prima parte di stagione, la Cannondale punterà su di lui. A Moreno il compito di supportare il compagno nelle fasi finali, per il resto libero di fare la sua corsa.

Il 17 aprile si correrà invece la Freccia, che presenta un profilo particolarmente adatto a Moser. Il giovane talento trentino ha molta voglia di tornare a vincere e grandi ambizioni. Nonostante il prestigio di tale classica, non si lascia intimorire. Di saper vincere al cospetto di grandi campioni e in grandi corse, ha già dimostrato di esserne capace.

Appuntamento al Nord

Dal clima mite di Tenerife, si passa al freddo e piovoso Nord. Moreno Moser è pronto a rientrare alle corse e lo farà con un paio di appuntamenti che precederanno le Classiche delle Ardenne. Si comincia domani con la Brabante Pijl in Belgio, seguita dal Grand Prix Denain in Francia.

Moreno ritroverà al suo fianco Peter Sagan, dopo la prova perfetta delle Strade Bianche. Queste due prime gare, serviranno soprattutto per testare la condizione in vista dei prossimi importanti impegni, che il giovane della Cannondale ha voluto preparare al meglio, con il ritiro sul Teide. Undici giorni di allenamento in altura, che pur condizionati da qualche giorno di febbre, sono serviti per migliorare la forma e provare a lasciare il segno nelle Ardenne.

Il Team fa affidamento su Moreno, corridore adatto a questi percorsi, lasciando liberi di agire lui e l’altro capitano Sagan.

 

Si torna sul Teide

Si è chiusa la prima tranche di corse di quest’anno, che ha visto Moreno partire subito bene, con la bella vittoria delle Strade Bianche ed una serie di buone prestazioni, anche a supporto della squadra.

Ora ci si dedica ad un nuovo periodo di allenamento, con un nuovo stage in altura. Si torna così sul Monte Teide a Tenerife, località ideale per preparare al meglio le corse primaverili. Moser è già sull’isola e ha iniziato subito ad allenarsi seguito da Slongo e dal mental trainer Marino Rosti. Con lui i compagni di squadra Caruso e Koch, mentre Basso, De Marchi e Wurf raggiungeranno il gruppo sabato.

Il rientro in Italia è previsto per il 6 aprile, in vista della successiva partenza per le classiche delle Ardenne.

Coppi e Bartali: è podio nella crono individuale

Moreno Moser sale sul podio della quarta tappa della Settimana Coppi e Bartali. Il trentino chiude al terzo posto staccato di sedici secondi dal vincitore Adriano Malori, che non ha disatteso i pronostici della vigilia. Il corridore della Lampre-Merida è infatti uno dei migliori cronomen italiani, e competitivo in questa specialità a livello mondiale.

Moser si è ben difeso nei 14,3 km del circuito pianeggiante attorno alla cittadina di Crevalcore distrutta dal terremoto dello scorso anno. Meglio di lui di due secondi ha fatto Vorobyev, unico piccolo rammarico di giornata: “Avevo pronosticato un terzo posto, certo visto il risultato finale avrei anche potuto arrivare secondo, con un piccolo sforzo in più. Di certo non avrei potuto battere Adriano. E’ stato fortissimo oggi. Personalmente ho bisogno di migliorare ancora qualcosa”.

Coppi e Bartali: altra corsa a tappe per Moreno

 Il calendario di corse di Moreno Moser lo vede impegnato in un’altra gara a tappe, la Settimana Internazionale Coppi e Bartali, in programma da domani, mercoledì 20 marzo, fino a domenica 24.

Portata a termine la Milano-Sanremo – che resterà nella storia per la neve e il gelo che hanno costretto gli organizzatori a neutralizzare la corsa, con il Turchino impraticabile e numerosi corridori non ripartiti da Arenzano o ritirati nel proseguo – Moreno è pronto ora per affrontare questa corsa a tappe italiana, che offre spunti interessanti per gli atleti al via e per alcune tappe di particolare difficoltà.

Obiettivo: provare a fare classifica e cercare un successo di tappa.

Milano-Sanremo: le sensazioni della vigilia

Il periodo intenso di corse, prosegue con un altro appuntamento di prestigio per Moser, la Milano-Sanremo, che correrà per la prima volta nella sua carriera.

La Classicissima quest’anno non si corre più di sabato, ma di domenica e la sfortuna ha voluto che le previsioni meteorologiche per domani non dicano niente di buono.

Emozione e un po’ di tensione per il giovane campione trentino, che alla vigilia racconta le proprie sensazioni: “Non ho mai affrontato un chilometraggio così elevato. E’ una variabile importante e non so cosa aspettarmi. Sarei contento se riuscissi ad arrivare davanti, e tenere fin dopo il Poggio e poter essere d’aiuto a Sagan. Conterà il gioco di squadra e la mia soddisfazione per domenica sarebbe vedere Peter vincere”.

E ora la Tirreno – Adriatico

Non c’è tempo per godersi lo straordinario successo ottenuto alle Strade Bianche. Si resta in Toscana per una nuova corsa, questa volta a tappe, la prima dell’anno per Moser.Scatterà infatti da Donoratico la prossima edizione della Tirreno-Adriatico, al via mercoledì 6 marzo con una cronosquadre.

Moreno sarà con Sagan e Caruso uno dei capitani della Cannondale, che non nasconde ambizioni di successo nella Corsa dei Due Mari. “Questa corsa è un palcoscenico importante” dichiara il DS Volpi al sito ufficiale del team “la affrontiamo con legittime ambizioni. Abbiamo forti individualità e un gruppo unito. Sagan e Moser sono intelligenti e capaci di completarsi: la loro unione è un nostro punto di forza. Per Moreno poi c’è l’occasione di aggiungere qualcosa al suo bagaglio tecnico provando a fare classifica. Senza pressioni e pretese, ma solo per migliorare”.

Dello stesso avviso anche Moreno, che con il morale alle stelle per la recente vittoria, non vede l’ora di risalire in bici e di affrontare questa corsa: “La Tirreno è un’opportunità di crescita per me. La condizione c’è, ma può ancora migliorare. Fino alla quarta tappa, con l’arrivo in quota a Prati di Tivo, vorrei provare a tenere duro per capire quanto posso essere competitivo per la classifica generale. Poi vivrò la corsa alla giornata e, insieme a Peter, faremo gioco di squadra per regalare alla Cannondale Pro Cycling nuove soddisfazioni.”.

Epico successo alle Strade Bianche: che trionfo a Siena!

Un passo alla volta per entrare nella storia. Moreno Moser, secondo anno da professionista, di anni ne ha soltanto ventidue, ma sta già ponendo le basi per una carriera leggendaria, con successi che pesano.

Come quello ottenuto oggi, alle Strade Bianche, corsa che conta sette edizioni, ma che è già entrata di diritto tra le competizioni epiche, al pari delle classiche del nord. Tratti sterrati, polvere e salite da eroi, al via i big del ciclismo internazionale e all’arrivo, la gloria per chi trionfa in Piazza del Campo a Siena.Finora nell’albo d’oro, soltanto stranieri. Da oggi, Moreno Moser entra nella storia della competizione come primo italiano a vincerla.

Un’azione da corridore d’esperienza, a dispetto della sua giovane età. Il trentino della Cannondale ha preso in mano la corsa nei km finali, andando a riprendere i fuggitivi e forzando il ritmo per non rischiare di essere ripresi. Con soltanto una corsa nelle gambe – visto l’annullamento del Gp Lugano – Moreno ha mostrato tutta la sua forza e con intelligenza è scattato nella salita finale il muro di via Santa Caterina verso Piazza del Campo, dove è entrato in trionfo spinto dal tifo del pubblico.

Alle sue spalle con sei secondi di distacco il compagno Sagan.

GP Camaiore: vince Sagan, bel lavoro di Moreno. E sabato Strade Bianche

Buona la prima. Moreno Moser può essere soddisfatto del proprio debutto stagionale, avvenuto in occasione del Gran Premio Camaiore, vinto dal compagno di squadra Peter Sagan, che si è imposto in una volata ristretta su Ulissi e Nocentini. A costruire il successo del ceco, c’è stato infatti anche il grande e ottimo lavoro di Moser nel finale, che nell’ultima salita, con il gruppo compatto è stato eccezionale a chiudere tutti gli attacchi e facendo in modo che il gruppetto che si era formato arrivasse in volata, dove a quel punto Sagan sarebbe stato il favorito.

Una prestazione incoraggiante, in vista del prossimo impegno che attende il trentino. Sabato 2 marzo correrà l’impegnativa Strade Bianche, 188 km con tratti sterrati, che la dipingono come corsa da eroi. Insieme a Sagan, sarà lui il leader della Cannondale.

Ecco le sue sensazioni in merito a questa competizione, che ha già avuto modo di provare lo scorso anno: “Ho un forte ricordo delle Strade Bianche: la sua bellezza e la sua durezza. E’ una corsa che voglio riprovare perché mi piace e mi intriga. Ho un anno di esperienza alle spalle e il mio unico obiettivo è vedere quanto posso migliorare. Quale sia il risultato al traguardo non posso e non voglio prevederlo. Farò il massimo per ottenere altrettanto”.

Esordio rinviato al GP di Camaiore

Annullato il Gp Lugano a causa dell’abbondante nevicata che si è abbattuta sulla cittadina svizzera e sul percorso, il debutto stagionale di Moreno Moser è così rinviato a domani, con il Grand Prix Camaiore, classica corsa italiana sulle strade della Versilia, in Toscana.

La Cannondale Pro Cycling punta su tre giovani, oltre a Moreno, le punte saranno Sagan e Caruso. Tutti avranno la loro chance di provare a cercare il successo, come spiega il direttore sportivo Mariuzzo: “Abbiamo al via dei corridori importanti con caratteristiche adatte al duro percorso di Camaiore. Non possiamo però sapere quanto potranno essere competitivi, perché Sagan è al rientro dopo un periodo di stop dovuto a bronchite e Moser e Caruso quest’anno non hanno ancora corso. Questo potrebbe essere decisivo nelle fasi finali della gara. Faremo del nostro meglio per arrivare al momento giusto ed essere in grado di giocarci le nostre carte”.

Debutto stagionale al GP Lugano

Sarà il Gp Lugano in programma domenica 24 febbraio a segnare l’esordio stagionale di Moreno Moser.

C’è grande attesa per questo debutto, da testare innanzitutto la condizione, dopo il periodo trascorso in altura e la preparazione invernale. Il giovane trentino ha già però voglia di fare bene, anche se il percorso è duro e non sarà facile competere immediatamente con chi ha già il ritmo corsa.
Sono soddisfatto dell’allenamento fatto sul Teide, ma come ogni anno il debutto stagionale si pone sempre come un grande punto di domanda” – spiega Moser – “Il mio primo obiettivo quest’anno era lavorare sulla resistenza all’inizio della stagione e penso di averlo raggiunto con i vari training camp. Ho davvero voglia di essere competitivo in questa corsa, ma non sento la pressione di fare risultato a tutti i costi. Farò del mio meglio e vedremo cosa dirà la strada”.

Anche il tempo, visto che per domenica è prevista neve e questo potrebbe condizionare non poco il Gp Lugano.

Stage in altura a Tenerife

Prosegue il periodo di preparazione invernale per la Cannondale Pro Cycling, attesa in questi giorni dal primo stage in altura.

Moreno Moser è volato questa mattina a Tenerife, insieme a Basso, Caruso e Canuti. Destinazione Monte Teide per quindici giorni di allenamento mirato a migliorare la forza e il ritmo di pedalata. Sarà il direttore sportivo Slongo a coordinare i lavori del training camp: “Lo stage in altura a 2.000 metri è un punto cruciale della nostra preparazione, specialmente per chi correrà poi durante l’anno i Grandi Giri. Il Teide è la meta preferita perché è l’unico posto dove si possono unire allenamento e relax in altitudine, due aspetti fondamentali per migliorare la propria condizione in vista delle corse”.

Dopo il ritiro, Moreno rientrerà in Italia il 21 febbraio, pronto per la prima gara della stagione, il Grand Prix Lugano, in programma il 24 febbraio.

In Toscana per il primo training camp stagionale

Dopo la presentazione ufficiale e un mini ritiro a Los Angeles, dove il team ha avuto l’occasione anche di testare le nuove biciclette messe a disposizione da Cannondale, Moreno Moser si trova ora in Italia, per il primo training camp della stagione.

Un gruppo di 14 atleti sono, infatti, da ieri a Riotorto, in Toscana dove resteranno fino a mercoledì 30 gennaio, seguiti dai direttori sportivi Slongo, Zanatta, Mariuzzo e Volpi. Obiettivo principale, preparare le imminenti prime corse della stagione. Non così vicine per Moreno, che debutterà al Gp Lugano il 24 febbraio.

Lavoro differenziato in due gruppetti quindi, con il trentino ad allenarsi insieme a Basso, Caruso, Krizek, Longo Borghini e Paterski, per attività di fitness aerobico, sempre più intense giorno dopo giorno per aumentare la resistenza e test finali, per valutare il livello atletico raggiunto da ciascuno.

Presentazione da star a Hollywood!

Divi di Hollywood per una notte. Si sono sentiti esattamente così Moreno Moser e compagni della nuova Cannondale Pro Cycling stagione 2013, presentata ufficialmente in una location da stelle del cinema: i Paramount Studios.

Ingresso da star, con tanto di red carpet tra i fans e i flash dei fotografi per i capitani Basso, Sagan, Viviani e naturalmente Moser, che non davanti ad una macchina da presa, bensì in bicicletta, ha già dimostrato lo scorso anno, all’esordio tra i pro, di avere la stoffa del campione. Giovane promessa del ciclismo, con tanto di neonato Fans Club, non poteva mancare quindi un suo sito web ufficiale, dove trovare news, curiosità, link ai social network gestiti direttamente da Moreno, le fotografie più belle e la carriera, che corsa dopo corsa, è destinata ad arricchirsi di successi.

Stay tuned on www.morenomoser.it

Agenda Prossimi appuntamenti

 STAGIONE 2016:

.

Il Lombardia 01/10

 GP Beghelli 25/09

 

Campionato Europeo TT RR 15/09-18/09

Vuelta a Espana 20/08-11/09

 

Vuelta a Burgos 06/08

Clasica San Sebastian 30/07

 

Campionato Italiano TT RR 22/06 26/06

Ster ZLM Toer 15-19/06

Giro d’Italia 06-29/05

Tour de Romandie 26/04-01/05

 

Gp Indurain 02/04

Criterium International 26-27/03

 

Milano-Sanremo 19/03

Gp Larciano 06/03

 

Volta ao Algarve 21/02

Tour Down Under 19-24/01

 

STAGIONE 2015:

.

 Tour de Pologne 02-08/08

 Tour of Austria 04-12/07

 

 Campionato Italiano 24-27/06

 Tour de Suisse 13-21/06

 

 Gp Gippingen 11/06

 Bayern Rundfahrt 17/05

 

 Giro del Trentino 21-24/04

 Circuit Cycliste Sarthe 07-10/04

 Critérium International 29/03

 Milano-Sanremo 22/03

 

 Tirreno-Adriatico 11-17/03

 Strade Bianche 07/03

 

 Trofeo Laigueglia 19/02

 Cadel Evans Great Ocean Road Race 01/02

 

 Tour Down Under 20-25/01

 Tour Down Under Classic 18/01

 

STAGIONE 2014:

.

 Japan Cup 19/10

 Gp Bruno Beghelli 12/10

 

GP Peccioli Coppa Sabatini 09/10

 Il Lombardia 05/10

 

GP de Montréal 14/09

 Gp Québec 12/09

 

GP de Fourmies 07/09

 Brussels Cycling Classic 06/09

 

GP Ouest France-Plouay 31/08

 Vattenfall Cyclassics Hamburg 24/08

 

Eneco Tour 11-17/08

 Tour de Pologne 03-09/08

 

Trofeo Melinda Tricolore 20/06

 Tour de Suisse 14/06-22/06

 

Giro d’Italia 09/05-01/06

 Tour de Romandie 29/04-04/05

 

 Giro del Trentino 22-25/04

 Milano – Sanremo 23/03

 

Tirreno – Adriatico 12-18/03

Strade Bianche 08/03

 

Tour of Oman 18-23/02

Dubai Tour 05-08/02

 

 Tour de San Luis 20-26/01

 

STAGIONE 2013

.

 Vattenfall Cyclassics 25/08

 Eneco Tour 12-18/08

 

 Clasica de San Sebastian 27/07

Prueba Villafranca-Ordiziako Klasika 25/07

 

Tour de France 29/06-21/07

tappa 18: arrivo all'Alpe d'Huez

tappa 18: arrivo all’Alpe d’Huez

Tr. Melinda – Campionato Italiano – 22/06

Campionato Italiano Cronometro

Campionato Italiano Cronometro

 

Tour de Suisse 08-16/06

GP Francoforte 01/05

 

Tour de Romandie 23-28/04

Liège-Bastogne-Liège 21/04

 

La Flèche Wallonne 17/04

Amstel Gold Race 14/04

 

GP de Denain Porte du Hairnaut 11/04

De Brabantse Pijl 10/04

 

 Milano – Sanremo 17/03

A block!

A block!

Tirreno – Adriatico 06-12/03

Tirreno-Adriatico

A mani basse.

 

Strade Bianche 02/03

Palco e fiori!

Palco e fiori!

G.P. Città di Camaiore 28/02

Tutto pronto...

Tutto pronto…

Bio Biografia

 

LA FAMIGLIA – Moreno Moser, porta in sé già dal nome la storia del ciclismo italiano ed internazionale. Una tradizione vincente della famiglia trentina del piccolo paese di Palù di Giovo, in Valle di Cembra, costruita a suon di successi dal leggendario zio Francesco, dallo zio Aldo, dallo zio Enzo e anche da papà Diego ed ora portata avanti dai giovani, perché oltre a Moreno, sono stati professionisti i suoi fratelli Matteo e Leonardo e di recente ha fatto il suo esordio tra i big il cugino Ignazio, con la maglia della formazione Continental Bmc.

GLI ESORDI – Con il ciclismo nel proprio destino, Moreno non poteva che essere un corridore. Non un esordio di quelli da incorniciare in realtà, come racconta sorridendo il suo primo allenatore Alberto Pellegrini, che ricorda come il piccolo Moreno alla prima corsa dimenticò il numero ed alla seconda le scarpe. Anche i risultati, nella categoria Giovanissimi non furono eclatanti: una vittoria, quanto basta per iniziare a provare l’emozione del successo. Con la maglia della sua prima squadra, la U.S. Montecorona, avrà comunque tempo di rifarsi, ottenendo negli anni a seguire fino agli Juniores, ben 35 vittorie. Gli anni più belli, nei ricordi di Moreno, divenuto ben presto pupillo dei suoi ds, che hanno visto sbocciare questo giovane talento spiegando come fosse facile andare alle corse con lui, perché non c’era molto da dirgli e se una gara era adatta alle sue caratteristiche si poteva stare certi che non l’avrebbe sbagliata. Così è stato anche tra i Dilettanti, dove ha indossato la maglia della Lucchini Maniva, ponendo le basi della sua futura carriera da professionista con dieci importanti successi, come le due tappe conquistate al Girobio 2011. E’ stato in quegli anni che Moreno ha capito cosa volesse dire fare il corridore come professione. Se in passato il ciclismo rappresentava puro divertimento, negli Under iniziano i primi sacrifici. Lontano da casa, dagli amici e dalla famiglia, il giovane Moser sperimenta le prime difficoltà che lo portano persino a pensare di smettere. Per fortuna, ha capito da solo che sarebbe stato uno sbaglio anche soltanto pensarci e dopo la crisi momentanea, è pronto per diventare un futuro campione.

IL PROFESSIONISMO – Le qualità e doti innate di Moreno non passano inosservate e le grandi squadre iniziano ad interessarsi a lui per il passaggio tra i professionisti. Su tutte la Liquigas, che il giovane trentino individua come il team migliore in cui fare il proprio esordio tra i big, sia per la professionalità e serietà della formazione, sia per l’ambiente ideale che sembrava potergli offrire per sentirsi come in una grande famiglia. Così nel 2012 debutta tra i prof, presentandosi subito nel migliore dei modi. In apertura di stagione trionfa infatti al Trofeo Laigueglia e si ripete poi a Francoforte e al Giro di Polonia, conquistando due tappe e vincendo la classifica generale. Alle vittorie si aggiungono podi in altrettante prestigiose competizioni, come il terzo posto nella prova in linea dei Campionati Italiani, il secondo al Trofeo Melinda, il terzo nella cronometro individuale del Tour de  Suisse. I risultati ottenuti al primo anno da professionista, gli valgono la convocazione ai Mondiali di Valkenburg. Il resto delle pagine della sua promettente carriera, Moreno le sta scrivendo oggi, giorno per giorno, gara dopo gara. Il successo e la notorietà non lo hanno però cambiato e non ha nessuna intenzione di lasciarsi cambiare. E’ sempre il ragazzino di Palù di Giovo, affezionato ai suoi amici, alla sua famiglia e alla semplicità dell’ambiente in cui è cresciuto. Consapevole che nel suo piccolo paese, ci sono state quasi più maglie rosa che abitanti. 82 quelle che si contano finora, conquistate oltre che dai Moser, anche da Gibo Simoni, altro talento del paesino cembrano. Quindi, nessun motivo per cambiare, nemmeno le tradizioni. “Arriveremo a 100”. E’ la promessa di Moreno alla prima festa del suo neonato Fans Club. Noi gli crediamo.

Album La carriera

Carriera Carriera

Cannondale Garmin Procycling 2015

  • Giro d’Austria – tappa 9 1° classificato
  • Giro d’Austria – tappa 8 3° classificato
  • Vuelta a Espana – tappa 16 3° classificato
  • Campionato Italiano Cronometro 2° classificato
  • Cadel Evans Great Ocean Road Race 7° classificato
  • Trofeo Laigueglia 12° classificato

Cannondale                     2014

  • Japan Cup 8° classificato
  • Eneco Tour – tappa 3 crono 8° classificato
  • Campionato Italiano 20° classificato
  • Giro d’Italia – tappa 11 6° classificato

Cannondale Pro Cycling 2013

  • Strade Bianche by Limar 1° classificato
  • Tour de France – tappa 18 3° classificato

Liquigas Cannondale

2012

  • Trofeo Laigueglia
  • Rund um den Finanzplatz Eschborn-Frankfurt
  • Tour de Pologne – tappa 1 (Karpacz > Jelenia Gora)
  • Tour de Pologne – tappa 2 (Bukovina Terma Hotel Spa > Bukowina Tatrzanska)
  • Classifica generale Tour de Pologne
  • Maglia azzurra ai Mondiali di Linburg/Valkemburg

Lucchini Maniva Ski

2011

  • Trofeo Gianfranco Bianchin
  • Trofeo Caldirola
  • Giro del Medio Brenta
  • Trofeo l’Eco del Chisone
  • Girobio – tappa 1
  • Girobio - tappa 2
  • Due Giorni Marchigiana-Trofeo Città di Castelfidardo – tappa 1
  • Due Giorni Marchigiana-GP Industria, Commercio e Artigianato di Castelfidardo - tappa 2
  • Maglia azzurra ai Mondiali 

Lucchini Maniva Ski

2010

  • Gran Premio Somma
  • Gran Premio Città di Felino
  • Maglia azzurra ai Mondiali di Melbourne

Contatti Dimmi ciao

  • Agenzia: A&J All Sports SA
  • Indirizzo: Corso San Gottardo, 32 - 6830 Chiasso (CH)
  • Telefono: +41 (0)91 6822760
  • Email: info@aejallsports.ch
  • Pagina FB ufficiale: Facebook
  • Seguimi su  Instagram
  • SPAZIO FANS CLUB:
  • Mi piace: Facebook
  • Seguici: Twitter
  • LEGGI L’ULTIMO TWEET DI @MorenoMoser    ↓